Informazioni
Notizie

Storia della razza

Il suo nome deriva probabilmente dall’inglese whip che significa muoversi rapidamente.
E in effetti il whippet è senz’altro il cane più veloce su percorsi brevi (150-200 metri) poiché è una macchina da corsa che può raggiungere i 70 km/orari in poche decine di secondi.

Nel XIX secolo la razza si diffuse in Inghilterra nella caccia al coniglio selvatico ed alla lepre. Poi venne la volta della corsa nei cinodromi, pratica che ancor oggi appassiona numerosi cinofili. In tempi più recenti è stato infine apprezzato come cane da compagnia ed esposizione.

Il whippet è un cane elegante nelle forme, dotato di grande equilibrio e potenza muscolare, che raggiunge al massimo 51 centimetri d’altezza. Il mantello (sono ammessi tutti i colori) ha il pelo raso.

BREVE PANORAMA STORICO. La sua storia non è antica; infatti la nascita ufficiale del Whippet risale al 1891, quando il Kennel Club Inglese riconobbe la razza. Non si sa con precisione quali razze abbiano contribuito alla sua formazione, possiamo solo osare delle ipotesi, non avendo nulla di scritto e di preciso. Si presuppone che il Piccolo Levriero Italiano abbia una parte predominante nella creazione del Whippet. I minatori dell’Inghilterra del Nord, l’avrebbero usato per aumentare la velocità dei loro Fox, Manchester e soprattutto Old White Terriers, razza ora estinta, per andare a caccia della lepre e dei conigli selvatici. E’ probabile che anche il Greyhound sia stato utilizzato per la creazione del Whippet, anche se quest’ultimo poteva appartenere solo ai signori dell’epoca, i quali organizzavano grandi battute di caccia con i loro grey. Comunque, i soggetti risultanti da questi incroci, chiamati appunto Whippet, si conquistarono una grande fama di cacciatori, silenziosi e velocissimi. Conosciuto ormai in tutta l’Inghilterra, fu soprannominato “il cavallo dei poveri”. Pare impossibile che da una “miscela” un po’ casuale sia emersa una razza che sembra la perfezione fatta cane! Oggi il Whippet è un cane che può benissimo vivere in casa come cane da compagnia, e nello stesso tempo andare a caccia o correre nei cinodromi ed ecco perché viene definito il levriere ideale!

CARATTERISTICHE: bisogna riconoscere che il Whippet è il levriero ideale perché può vivere in casa. La taglia ridotta (cm 44/47 per le femmine, cm 47/51 per i maschi) lo rende, assieme al buon carattere e alla facilità di mantenimento, un compagno ideale per la famiglia. Il suo pelo corto è mantenuto facilmente pulito e lucente con una semplice spazzolata. Inoltre, è anche un buon guardiano che avverte, all’occorrenza, dell’arrivo di estranei.
In casa, questo cane sceglierà per sé un posto elevato, da dove poter osservare il più possibile il suo padrone; ha bisogno di molto affetto e verrà continuamente a chiedere carezze proprio per dimostrare il suo attaccamento.
Il Whippet desidera sempre il caldo e d’estate usa stendersi al sole, mentre in inverno preferisce stare sul letto e, appena può, si infila sotto le coperte.

Facilmente fa amicizia con altri Whippet così come con cani di altre razze. Ama tanto la casa in cui vive che lo si potrebbe lasciare, per qualche tempo, anche da solo, senza alcun problema.
Gradisce molto passeggiare e basta mostrargli il guinzaglio per renderlo felice, ma se capisce che non può uscire con i padroni, assumerà un’espressione tanto triste da conquistare una sia pur breve passeggiata, durante la quale, anche se in città, il cane potrà essere tenuto libero dal guinzaglio, giacchè non si allontanerà dal suo padrone.
Libero in un prato correrà e giocherà con gli altri cani, dando tono ai suoi muscoli ed esercitando i polmoni.

Ma attenzione: da vero levriere, il Whippet inseguirà tutto ciò che si muove, per cui bisogna evitare l’incontro con eventuali gatti in libertà, mentre se devono convivere il problema non sussiste.
Quando avrà terminato il suo salutare esercizio, il Whippet ritornerà contento a casa con il suo padrone.